Senza categoria

Tappa 4: da Frascati a Terracina

By 15 Maggio 2019 No Comments

Sulla carta era una delle tappe più facili del Giro E, ma come spesso capita nel ciclismo è diventata complicata. Stavolta, a causa della pioggia, che ha reso infido l’asfalto.

Al via, un bel buongiorno ciclistico: i sette chilometri di salita che portano da Frascati a Rocca di Papa. Partenza frizzante. Poi, dopo un pianoro, la lunga discesa fino a Borgo San Michele, dov’era previsto il cambio delle batterie per chi ne ha bisogno. Una discesa di oltre quaranta chilometri, con percentuali importanti nella prima parte, fino a Velletri. Discesa tecnica, su asfalto umido.

Seconda prova di regolarità sulla salita di Sezze, 250 metri di dislivello in tre chilometri. Salita spezzagambe prima di tornare a scendere verso la piana di Terracina. Un bel GPM, perfetto per le bici elettriche: sali a 20 chilometri orari sfruttando il motore, superando pioggia e vento contrario.

Dopo 113 chilometri, in un finale adatto ai velocisti, sulla linea del traguardo è transitato per primo Nicola Cocchioni, del team Bike For Dream. Questo secondo successo consecutivo ha stravolto la classifica generale. Se Kilocal-Selle SMP mantiene la maglia Verde, la Arancio va a De Rosa e la Rossa e la Viola a BFD.

Comunque una giornata Giro, in cui i partecipanti hanno potuto vivere le dinamiche di una corsa a tappe: i rallentamenti, le accelerazioni, la perdita di contatto, la necessità di recuperare e tornare in gruppo, il meteo avverso. Perché la bici, anche quando è elettrica, è sempre tosta.

Leave a Reply