Senza categoria

Tappa 5: da Campobasso a San Giovanni Rotondo

By 16 Maggio 2019 No Comments

Giro E arriva in Puglia. Lo fa con una tappa interlocutoria che porta la colorata carovana elettrica da Campobasso a San Giovanni Rotondo. Alla notizia del luogo d’arrivo di tappa, più di un partecipante si è simpaticamente votato a Padre Pio, perché la numero 5 del giro elettrico presenta una salita interessante: Coppa Casarinelle. Una salita a tornanti di 15 chilometri con pendenze fino al 9 per cento per una media del 4,4 per cento. Niente di impossibile, per carità, ma una salita probante per ciclisti amatori, perché i 655 metri di dislivello sono distribuiti su una distanza importante.

Oggi hanno giocato un ruolo da protagonista le prove di regolarità. La prima era in piano, e subito precedente la sosta per la sostituzione delle batterie; la seconda era sulla salita di Coppa Casarinelle, su una lunghezza pari a tre quarti della salita. Oggi niente scuse: bisognava rimanere in gruppo, sfruttando la forza del motore. Gestione delle forze, degli sforzi, della batteria: il bello del Giro elettrico. Giunti alla sommità, al termine dei 15 chilometri, alcuni hanno chiesto di sostituire nuovamente la batteria: erano saliti in modalità “Turbo” dal principio alla fine. Hanno fatto bene, perché così hanno potuto godersi un panorama incredibile in una giornata in cui il Giro E è stato graziato dal maltempo.

Poi saliscendi verso San Giovanni Rotondo, e un giro intorno alla città per sei chilometri molto coreografici. Finale ondulato con volata in leggera salita, 2-3 per cento, che ha visto primo al traguardo (premio Named Sport) il biondo Viktor Filutás, dell’Epowers Factory Team: il giovanotto ha vinto per distacco la goliardica sfida con i colleghi capitani sottolineando l’impresa con un divertente gesto che ammiccava quelli dei professionisti.

La situazione Maglie vede la Kilocal-Selle SMP indossare la Verde, la De Rosa la Arancio, la Epowers Factory Team la Rossa e la Bike For Dream la Viola della classifica generale. Quattro Maglie, quattro squadre. Non male.

Leave a Reply